Andare a teatro a distanza si può. Ecco come…

teatro a distanza
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Abbiamo tutti il dovere di restare a casa. Abbiamo chiuso le porte, posato gli abbonamenti in un cassetto e annullato tutti gli impegni culturali ma nessuno vuole abbandonare le proprie passioni. La nostra, quella per il teatro, la nutriamo così: con un viaggio virtuale nei teatri, tra i progetti più belli, nel mondo. Venite con noi!

 

Teatro e Coronavirus

Le rassegne teatrali sono sospese fino a data da desinarsi, le lezioni di recitazione sono ridotte a qualche video on line e i bambini che si stavano avvicinando al teatro si devono accontentare di qualche fiaba letta a distanza.

Noi non ci fermiamo e abbiamo deciso di invitarvi a fare un viaggio alla scoperta dei teatri più belli e dei progetti teatrali a distanza.
Allora, staccate il talloncino del vostro ticket virtuale e accomodatevi in poltrona: stiamo per partire!

Virtual tour dei più bei teatri italiani

Il vostro sogno è quello di assistere a una prima al Teatro Regio o Alla Scala? Certo, non è qualcosa che si può fare tutti i giorni ma la fantasia, se aiutata dalla tecnologia, non ha limiti.
Partiamo da una visita virtuale al Teatro Regio di Torino, dall’ingresso un po’ formale, fino alla sua maestosa sala dominata da un incredibile palcoscenico.
Non potremmo uscire dalla nostra Regione ma, la fantasia non è soggetta a posti di blocco, quindi possiamo osare! Andiamo a Milano, senza mascherina ma immaginiamo pieno questo bellissimo Teatro Alla Scala, sognando di poterci sedere presto e realmente su una di queste elegantissime poltrone.
Nessuno, in questo momento, negli USA, va a teatro, ma noi sì! Entriamo, dunque, senza indugi, allo Stifel Theatre, dove artisti del calibro di  Frank Sinatra e Dean Martin si sono esibiti negli anni d’oro.
Questi sono solo alcuni esempi ma, per un virtual tour guidato dei teatri più belli al mondo, lasciatevi condurre da Artsandculture di Google.

Lezioni di teatro a distanza

Sappiamo che le parole “teatro” e “distanza” sono, per definizione, agli antipodi. Il teatro è vicinanza, prossimità, condivisione, catarsi. Se si parla di formazione, poi, la differenza tra queste due parole sembra diventare incolmabile.
Certo, a distanza, non si può imparare a recitare ma, almeno, si può far tesoro di qualche consiglio dato da grandi attori o ripassare un po’ di teoria. Ecco alcuni progetti on line che vanno in questa direzione:

  • Il Teatro di Euripide, corso on line proposto dal sito grecoantico.it
  • Appunti di Dizione: un percorso on line proposto da Accademia Attori
  • Corso di recitazione on line su Youtube, tenuto da Sandro Torella
  • Anche l’Accademia Nuovo Cinema propone un corso di recitazione base on line (molto teorico, naturalmente) sul proprio sito.
  • Per chi vuole, semplicemente, sentire le considerazioni di un grande attore e motivatore come Paolo Nani, è sufficiente iscriversi al suo canale Youtube