Vivi il teatro in provincia di Torino
aleggio plasentif

Il Plaisentif, anche conosciuto come “formaggio delle viole”, è una toma prodotta nel mese di giugno, quando i pascoli sono ricoperti di violette. Questo permette di ottenere un formaggio dal profumo inconfondibile.

Ecco qualche curiosità su questo formaggio pregiato dell’Alta Val di Susa e Chisone, inserito nel Paniere dei Prodotti Tipici del Piemonte.

La storia del Plasentif

Fu già Ettore Patria nei “Cenni sui rapporti commerciali tra il Delfinato e il Piemonte” a citare questo grande formaggio, nel secolo XIV – XVI.
Viste le difficoltà tra i rapporti commerciali tra il Piemonte ed il Delfinato, gli altovalligiani regalarono al governatore di Perosa ed a quello di Pinerolo un formaggio pregiato e molto più costoso della media. Questo per cercare di mantenere gli scambi che erano decisamente strategici per l’Alta Valle.

Naturalmente, il formaggio prescelto per questa azione strategica era proprio il Plaisentif, ovvero un prodotto ottenuto da latte vaccino crudo non scremato, ottenuto dalla mungitura di vacche appena giunte al pascolo ancora ricoperto di viole, con aggiunta di panna e poi stagionato secondo un antico metodo.

Come e dove si produce la toma delle viole

Gli alpeggi in cui si produce questo formaggio, tutti oltre i 1.800 mt, sono numerosi in Alta Val Chisone, ma non mancano quelli in Valle di Susa.

Dopo almeno 70 giorni di stagionatura, il Plaisentif può essere venduto, ma comunque, non prima della terza domenica di settembre. Il segno distintivo del Plasentif è la lettera P, oltre al logo inconfondibile, che riporta una violetta marchiata a fuoco sulla forma.

I produttori del Plaisentif, nel 2007 hanno costituito un consorzio con sede presso il Comune di Perosa Argentina, in Piazza Europa, 3 – (TO) e questo garantisce loro che prodotti non rispondenti al disciplinare possano essere assimilati al Plasentif certificato.

Proprietà del formaggio delle Viole e abbinamenti

I profumi del Plasentif sono unici e vanno attribuiti proprio alle viole presenti nei prati in cui pascolano le vacche a giugno. Spiccano quelli di burro, di foglia di castagna, di sottobosco e di stalla pulita.
La pasta del formaggio è compatta ma plasmabile in bocca. Il finale lascia la bocca pastosa e ammandorlata con un risultato di perfetto equilibrio, che diventa assoluto in abbinamento con vini dall’alto tenore alcolico o dalla decisa spalla acida, come può essere un Barbera.

Vendita Plasentif: in negozio, in alpeggio o in fiera

Il Plasentif è un formaggio reperibile in quantità limitate e solo un certo periodo dell’anno. Ecco perchè è importante essere preparati per non perdere l’occasione di gustarlo.

La Fiera del Plasentif a Perosa Argentina

La terza domenica di Settembre, a Perosa Argentina è tutta dedicata al Plasentif!
Una maratona di eventi tradizionali attende gli appassionati di formaggi tra rievocazioni, canti e balli tipici.
Naturalmente, questa è l’occasione più ghiotta per acquistare il pezzo di formaggio delle viole, direttamente dai produttori.

Il Sentiero del Plasentif

Per gli amanti della montagna, poi, una bella escursione può essere il pretesto per coccolare i sensi.
Seguendo il logo del Plaisentif è possibile, infatti, percorrere “Il sentiero del Plasentif”, passando da un alpeggio all’altro godendo di un panorama unico.

Acquistare il Plasentif in Bassa Valle

Per chi non ha occasione di andare in Valle inoltrata, esiste la possibilità di fare scorta di formaggi e di altre bontà tipiche, a Caselette, presso la Bottega che non C’Era, un vero negozio d’altri tempi dove trovare specialità gastronomiche della Val di Susa e non solo, tutte accomunate da un’attenta selezione e da consigli puntuali dati con amore.