Vivi il teatro in provincia di Torino
marrone igp

Castagna Roscetta Valle Roveto” by Marica Massaro is licensed under CC BY-SA 4.0.

Il Marrone della Val Susa è senza dubbio una delle varietà più pregiate reperibili sul mercato e oggi è riconosciuto dal marchio IGP. (Indicazione Geografica Tipica).

La storia e la zona di produzione

Da sempre il marrone, chiamato castagna fino al Medioevo, ha costituito una fonte di sostentamento e di reddito della popolazione della valle e della montagna, grazie all’esistenza di grandi castagneti; uno dei più famosi e antichi, il Castagneretum di Templeris, esiste ancora oggi a cavallo dei comuni di Villarfocchiardo e San Giorio di Susa.
La zona di produzione oggi è alquanto estesa e comprende molti paesi della Valle di Susa, tra cui soprattutto Villarfocchiardo, Mattie,  Meana, San Giorio  e Bussoleno.

Come viene prodotto e come appare

I Marroni della Val Susa  presentano una forma ellittica-allungata, in prevalenza arrotondata, con pelosità non molto estesa.

La pezzatura si può definire variabile tra quella “grossa” (da 60 a 70 frutti per kg di prodotto non selezionato) e quella “medio piccola” (da 81 a 90 frutti per kg di prodotto non selezionato).

La coltura dei castagni segue le tradizioni antiche della zona, per assicurare la qualità del prodotto finale.
La densità di piante per ettaro è variante da un numero di 80 ad uno di 120.

Ricette per il Marrone IGP

I modi di consumo sono quelli classici: lessati o arrostiti, i marroni, conservano sempre il loro sapore così tipico. In particolare, la cottura sulla brace, tanto cara alla nostra tradizione autunnale, offre lo spunto per feste e sagre come quella di Villarfocchiardo organizzata annualmente nel mese di ottobre.

Sagra del Marrone di Villarfocchiardo

Uno degli appuntamenti enogastronomici più attesi della Valle di Susa è proprio quello con la sagra del Marrone di Villarfocchiardo.

Gli eventi che ruotano intorno alla manifestazione iniziano, in genere, il secondo fine settimana di ottobre e comprendono appuntamenti culturali, musicali, degustazioni e molto altro. Al centro è il mercato, dove è possibile trovare i marroni più belli del posto ed il concorso che premia quello più grosso.

Dove trovare il Marrone della Valle di Susa

Acquistare i marroni direttamente da chi li produce, magari durante la fiera, è il modo migliore per assaporarne l’essenza.
Per chi non ha occasione di andare in Valle inoltrata, esiste la possibilità di fare scorta di marroni (quando è stagione!) e di altre bontà tipiche, a Caselette, presso la Bottega che non C’Era, un vero negozio d’altri tempi dove trovare specialità gastronomiche della Val di Susa e non solo, tutte accomunate da un’attenta selezione e da consigli puntuali dati con amore.