Vivi il teatro in provincia di Torino
canestrelli di Vaie

waffels” by Remko van Dokkum is licensed under CC BY 2.0.

Una bontà che viene immediatamente associata alla Valle si Susa, i Canestrelli di Vaie sono ottimi abbinati alla crema di marroni o allo zabaione con la buona compagnia di un calice di vino del ghiaccio di Chiomonte!

L’origine del nome di questi dolci dalla forma così caratteristica è alquanto controversa: secondo alcuni, infatti, essa può essere ricondotta alla similitudine con i canestri, tradizionali recipienti in vimini; secondo un’altra versione, invece, il canestrello prenderebbe il proprio nome dal verbo piemontese canestrelè, che vuol dire ingraticciare, ovvero, in gergo tecnico botanico, disporre trasversalmente nel terreno delle canne in modo da formare una sorta di griglia.

Anche se si parla di Canestrelli di Vaie, va detto che altrettanto celebri sono quelli di San Giorgio che, rispetto ai primi sono un poco più sottili.

La ricetta originale dei biscotti tipici Vaslusini

La preparazione di questi dolcetti, che vengono associati soprattutto alla tradizione di Vaie, consiste nell’impastare piccole palline fatte di ingredienti semplici (farina, zucchero, uova, burro e, nella versione classica di Vaie, anche scorza di limone) e inserirle in uno strumento composto da due ferri a tenaglia che, riposti sul fuoco imprimono lo stampo che dà la forma al dolce.

In alcune fantasiose versioni, il Canestrello è aromatizzato con cocco, cioccolato o nocciola.

Storia e curiosità sui Canestrelli piemontesi

L’origine dei Canestrelli è molto antica, risale, con tutta probabilità, alla fine del 1600, quando era uno dei dolci più preparati in occasione del Carnevale e di altre feste paesane. Durante il Medioevo, i Canestrelli si chiamavano “Nebule” ed erano originati dalla produzione delle ostie della tradizione cattolica.

Dopo aver rischiato l’estinzione a causa dell’elaborata ed impegnativa preparazione, oggi, il Canestrello gode non solo di un’importante e diffusa riscoperta da parte della popolazione ma anche di una serie di riconoscimenti istituzionali: dal marchio del Canestrello tipico di Vaie fino all’inserimento nei Canestrelli della Provincia di Torino, parte del paniere dei prodotti tipici.

Dove trovare i canestrei in Val di Susa

Tra le realtà più affermate in Valle a produrre queste splendide cialde è l’azienda “ IJ CANESTREI ‘D FLAMINIA”. Sono Katia e Paolo a portare avanti la tradizione del canestrello, restando sempre fedeli alla ricetta di nonna Flaminia.

Per chi non ha occasione di andare in Valle inoltrata, esiste la possibilità di fare scorta di Canestrelli e di altre bontà tipiche, a Caselette, presso la Bottega che non C’Era, un vero negozio d’altri tempi dove trovare specialità gastronomiche della Val di Susa e non solo, tutte accomunate da un’attenta selezione e da consigli puntuali dati con amore.