Vivi il teatro in provincia di Torino
recitazione per insegnanti

…E il sottotitolo dovrebbe essere: “e per gli alunni, di conseguenza”…

Sempre più spesso sentiamo gli insegnanti lamentarsi di quanto sia difficile tenere una classe, essere docenti autorevoli e, soprattutto, appassionare i propri alunni. In realtà, imparare la didattica teatrale non significa diventare degli insegnanti di teatro, ma riuscire a fare proprie le tecniche ed i linguaggi teatrali che, in ogni contesto, migliorano la comunicazione e la relazione e, a maggior ragione lo fanno nel rapporto docente – discente.

Il binomio teatro – insegnamento, però, non si esaurisce con la possibilità di migliorare le proprie capacità comunicative, ma va molto oltre, diventando una modalità didattica da applicare in classe. Insegnare col teatro diventa, così, una strategia coinvolgente ed efficace che può essere messa in atto dal docente stesso (magari facendo tesoro di quanto imparato nella propria eventuale formazione teatrale) oppure da un professionista esterno specializzato in didattica teatrale.

I benefici del teatro per l’insegnante come persona e come professionista

Gli insegnanti di oggi lo sanno bene: la prima cosa difficile da fare, in classe, è quella di farsi rispettare e ascoltare, tutto il resto viene dopo.

Per quanto difficile da ottenere, però, la stima (e un pizzico di timore riverenziale) è indispensabile per ottenere qualsiasi risultato in classe, sia a livello umano, sia di profitto. Ma questo non significa sfociare nella dittatura…

Un corso di teatro, per un insegnante, può essere un ottimo modo per lavorare su se stesso e acquisire skill da portare direttamente in classe, per mostrarsi più sicuro e persuasivo. In particolare, un percorso di formazione teatrale per un insegnante può significare:

  • Imparare ad usare meglio la voce, cosa che non solo rende più incisivi, ma evita anche spiacevoli conseguenze delle urla continue (come noduli alle corde vocali e afonia ricorrente)
  • Imparare ad usare meglio il corpo per dare un’immagine più sicura di sè e utilizzare al meglio la comunicazione non verbale
  • Tono della voce e postura sono alla base dell’aumento della propria autorevolezza
  • Acquisire tecniche di lettura coinvolgente anche migliorando la capacità di parlare in pubblico
  • Avere una maggiore consapevolezza dei propri atteggiamenti e saperli modulare
  • Muoversi meglio nello spazio (in classe come sul palco!!)
  • Imparare a cambiare, in base a chi si ha davanti
  • Mettere in atto tecniche di improvvisazione, riuscendo a gestire anche le situazioni più difficili
teatro scuola

I benefici di una didattica teatrale per gli alunni


Il teatro, però, non si limita ad essere uno strumento per migliore le abilità personali e professionali degli insegnanti. Esso, infatti, si trasforma in una vera e propria metodologia didattica che permette di veicolare il sapere in modo più efficace e coinvolgente.

Il teatro, prima di tutto, è utile agli insegnanti perché riesce a dare una prospettiva diversa dell’allievo, facendo in modo, utilizzando soprattutto il corpo, di iniziare a vedere l’insegnamento non solo come nozioni da far entrare nel cervello dei ragazzi, ma anche come un’esperienza da far vivere.
Insegnare con il teatro consente di far vivere veramente quell’insegnamento ad un ragazzo, farglielo provare e sperimentare non teoricamente ma praticamente ed emotivamente.
In fondo, vale per tutti noi: ciò che abbiamo vissuto in prima persona e con traporto è più difficile da dimenticare!
Gli allievi diventano, così, non più delle scatole vuote da riempire da delle scatole piene da riordinare.


Ecco quali sono le potenzialità del teatro applicato all’insegnamento:

  1. Coinvolgimento degli studenti: Il teatro offre un modo dinamico e coinvolgente per insegnare concetti complessi. Gli studenti spesso imparano meglio quando sono coinvolti attivamente nella lezione anziché semplicemente ascoltare o leggere.
  2. Sviluppo delle abilità comunicative: Attraverso il teatro, gli studenti possono migliorare le loro abilità comunicative, sia nell’espressione verbale che non verbale. Imparano a parlare chiaramente, ad utilizzare il linguaggio del corpo e a comprendere l’importanza della comunicazione efficace.
  3. Potenziamento della fiducia e dell’autostima: Partecipare a produzioni teatrali o esercizi di recitazione può aiutare gli studenti a sviluppare fiducia in se stessi e a sentirsi più sicuri nelle loro capacità, aumentando l’autostima. Questo può avere un impatto positivo su altri aspetti della loro vita accademica e personale.
  4. Empatia e comprensione degli altri: Attraverso il teatro, gli studenti possono imparare a mettersi nei panni di altre persone e a comprendere punti di vista diversi dai propri. Questo può aiutarli a sviluppare empatia e comprensione per gli altri, abilità importanti per la vita sociale e professionale. Inoltre, questo è molto utile per imparare a guardare la realtà da diversi punti di vista.
  5. Creatività e pensiero critico: Il teatro incoraggia la creatività e il pensiero critico. Gli studenti devono interpretare i personaggi, analizzare i testi e prendere decisioni creative sulle loro interpretazioni, il che stimola la loro capacità di pensare in modo critico e innovativo.
  6. Apprendimento esperienziale: Il teatro offre un modo per gli studenti di imparare attraverso l’esperienza diretta. Possono sperimentare concetti e emozioni in modo più tangibile e memorabile rispetto all’apprendimento tradizionale basato sui libri di testo.
  7. Collaborazione e lavoro di squadra: Lavorare su una produzione teatrale coinvolge la collaborazione e il lavoro di squadra. Gli studenti imparano a lavorare insieme per raggiungere un obiettivo comune, sviluppando importanti abilità sociali e di cooperazione
  8. Partecipare ad una formazione meno statica: il teatro richiede di esprimersi anche con il corpo e questo lo allontana da metodologie più statiche. Non solo i giochi teatrali per bambini, ma anche gli esercizi per gli adolescenti, finiscono, così, per favorire anche il movimento degli alunni

Il bello del teatro è che crea, nei ragazzi, una libertà che non troveranno mai da nessuna parte, non verranno mai bloccati, avranno delle regole, ma giornalmente potranno modificarle.
Il teatro è, poi, l’unico posto al mondo in cui è possibile e richiesto SBAGLIARE, una cosa che ormai non viene più accettata in nessun altro campo.

In definitiva, il teatro offre agli insegnanti un’ampia gamma di strumenti per coinvolgere gli studenti, promuovere lo sviluppo personale e accademico e creare un ambiente di apprendimento stimolante e inclusivo.

Come sfruttare le potenzialità del teatro didattico

Il docente che abbia compreso il potere formativo del teatro ha, in sostanza, due possibilità: mettere in atto lui stesso le tecniche teatrali per l’apprendimento, specie se lui stesso le conosce bene, oppure coinvolgere un professionista esterno.
In questo modo, il teatro entra in classe con tutto il suo potere e, così, esercizi di improvvisazione, interrogazioni in costume scenico, cambi di punti di vista, scrittura di copioni e molto, molto altro diventano accattivanti alternative alle classiche lezioni frontali.

Ma esiste un altro modo per avvicinare gli studenti al teatro ed è quello di portare gli alunni a vedere spettacoli teatrali pensati per loro e, magari, inerenti il programma scolastico: una lezione frontale, sì ma decisamente meno noiosa del solito